Home | La storia | WAG World Air Games 2009

WAG World Air Games 2009

Le Olimpiadi del Volo: World Air Games 2009 (WAG)

19 aprile 2008. Il CAP-10 trasferito nottetempo in piazza Castello per la presentazione del World Air Games

 

World Air Games 2009 Logo

Nell’autunno del 2006 la FAI – Federation Aeronautique Internationale – con sede a Losanna, cui aderiscono ad oggi 102 nazioni, ha indetto un bando per l’organizzazione dei “World Air Games” (WAG) da tenersi nel giugno dell’anno 2009.

I World Air Games (WAG) sono l’evento di aviazione sportiva più importante del mondo e sono delle vere e proprie Olimpiadi del Cielo, che includono tutti gli sport dell’aria e prevedono più competizioni nelle seguenti 10 discipline: acrobazia (velivoli a motore ed alianti), volo a vela, elicotteri, paracadutismo, deltaplano, parapendio, mongolfiere, aeromodellismo, ultraleggeri (paramotore e deltaplani a motore) e velivoli sperimentali.

 

Il Comitato promotore – Le tappe del successo di Torino

Losanna, 1 giugno 2007. Il presidente della FAI Pierre Portman proclama la vittoria della candidatura di Torino tra l'esultanza dei presentiLogo FAIL'esultanza dei membri del comitato promotore presenti a LosannaAlcuni membri del Comitato promotore festeggiano la vittoria: (da sinistra) Paolo Rota, Pier Luigi Duranti, Patrizia Bugnano (assessore provinciale allo Sport), Eugenio Cuffia, Giuliana Bianco, Silvana Accossato (sindaco di Collegno), Giuseppe Leoni (presidente AeCI), Angelo Moriondo (presidente Comitato promotore), Bruno RambaudiRitenendo la sfida stimolante, l’Aero Club Torino, nella persona del presidente Angelo Moriondo, si è messo a capo del “Comitato promotore” che, dopo aver ottenuto l’adesione delle persone ritenute idonee ed aver raccolto i fondi necessari alla candidatura (forniti in massima parte dalla Regione Piemonte), ha presentato ufficialmente la candidatura di Torino per l’organizzazione dei giochi.

Tra le quindici candidature presentate Torino superò la prima selezione, insieme a Londra, Mosca, Melbourne e alla danese Odense.

Dopo la seconda selezione rimasero solo tre finaliste: Torino, Mosca ed Odense.

Il 1° giugno 2007, presso il Museo del C.I.O. di Losanna, in una sala congressi stracolma di pubblico, il Presidente della FAI Pierre Portman proclamò la vittoria di Torino designandola sede dei WAG 2009. Fu un vero trionfo.

Le precedenti edizioni dei WAG (1997 e 2001) si erano svolte in Turchia ed in Spagna mentre l’edizione del 2005, seppur assegnata alla Polonia, non ebbe luogo per ragioni organizzative e di ordine pubblico.

Il comitato organizzatore dei WAG 2009 - (Turin LOC)

Parigi, agosto 2007. La firma del contratto di organizzazione dei World Air Games (da sinistra) Bruno Rambaudi (presidente del comitato organizzatore), Pierre Portman (presidente FAI), Max Bishop (segretario generale FAI), Angelo Moriondo (delegato AeCI)Avendo esaurito il proprio compito il "Comitato promotore" si sciolse ed il 24 luglio 2007, presso la sede della Finpiemonte S.p.A., il notaio Cilluffo di Torino costituì l’associazione di diritto pubblico denominata “Comitato Organizzatore dei World Air Games – Torino 2009” meglio conosciuto come Turin LOC (Local Organizer Committee di Torino)..

Al Comitato Organizzatore, (presieduto nella fase iniziale dal dr. Bruno Rambaudi e dal 10 luglio 2008 in poi dall’ing. Giuseppe Viriglio) hanno aderito tutti gli enti pubblici territoriali interessati dall’evento (Regione, Provincia e Comuni) e le più importanti associazioni di categoria (CCIAA, Unione Industriale, API, ASCOM, AeCI, ecc.) oltre ad alcuni componenti del disciolto “Comitato Promotore”.

Nell’Agosto 2007 a Parigi, il presidente Bruno Rambaudi, firmò con il Presidente della FAI Pierre Portman il “contratto di organizzazione” che prevedeva una “fee” di 500.000 US$ a carico dell’organizzatore ed un budget di spesa, iniziale di circa 6,9 milioni di euro. Il budget è stato poi man mano ridotto a 4,3 milioni, a causa della crisi che ha colpito l’economia mondiale, con conseguenti tagli sulle spese promozionali e di comunicazione mediatica.

Il percorso di avvicinamento

All’insediamento del Comitato fece immediatamente seguito un’attività febbrile mirata a creare la struttura operativa e reperire le competenze necessarie per l’organizzazione di un evento di portata mondiale. Buona parte di esse furono trovate nell’ambito di coloro che avevano prestato con successo la loro opera nell’organizzazione dei giochi olimpici invernali del 2006.

I WAG furono ufficialmente presentati al sindaco di Torino nel corso di una visita ufficiale da parte del Presidente della FAI Pierre Portman il 23 ottobre del 2007.

Il 19 aprile 2008, nel corso di una festosa kermesse aeronautica a Torino in piazza Castello, l’evento è stato presentato al pubblico per pubblicizzarne l’importanza.

Per richiamare l’attenzione del mondo aeronautico sul futuro evento, l’Aero Club Torino in accordo con il Comitato Organizzatore e l’Aero Club d’Italia, aveva promosso e patrocinato la candidatura di Saint-Vincent (AO) per l’organizzazione della “General Conference“ della FAI per il 2008 (le ultime avevano avuto luogo a Santiago del Cile, a Rodi ed a Seul).

23 ottobre 2007, Torino. Presentazione dei World Air games al sindaco (da sinistra) Pierre Portman, Sergio Chiamparino (sindaco di Torino), Renato Montabone (assessore allo Sport), Bruno Rambaudi19 aprile 2008. Presentazione dei World Air Games in Piazza Castello: l'assessore Renato Montabone e il senatore Patrizia Bugnano sul CAP-1019 aprile 2008. Presentazione dei World Air Games a Torino in piazza CastelloOttobre 2008. I delegati della General Conference della FAI presenti a Saint-Vincent

 

La candidatura, supportata dalla Regione Valle d’Aosta e dal Casinò di San Vincent, risultò vincente e l’evento ebbe luogo la prima settimana di ottobre 2008 presso il Grand Hotel Billia con la partecipazione dei delegati di 87 nazioni. A conclusione dei lavori le delegazioni si trasferirono poi a Torino per visitare i siti dove avrebbero avuto luogo le gare del giugno 2009.

Nel 2008 era nel frattempo stato indetto un concorso di disegno tra gli studenti delle scuole Torinesi per il bozzetto delle medaglie olimpiche. Nel corso della cerimonia tenutasi presso la sala consigliare del Comune di Collegno, la giuria, presieduta dal pittore Ugo Nespolo, assegnò il premio di mille euro a Fiodor Fogliato dell’I.T.I.S. Bodoni.

La cerimonia inaugurale

Il sindaco Chiamparino dichiara aperti i Giochi Olimpici dell'Aria

 

La cerimonia inaugurale ha avuto luogo sabato 6 giugno 2009 nella centrale piazza S. Carlo dove, alla presenza di tutte le autorità cittadine e di una folla stimata in oltre 15.000 persone il sindaco di Torino Sergio Chiamparino ha ufficialmente dichiarato aperti i “Giochi Olimpici dell’Aria Torino 2009”.

La fiamma olimpica portata in Italia dal presidente dell’Aero Club di Grecia sig. Antonis Papadopoulos è stata consegnata al tedoforo italiano Sergio Dallan (pilota di rinomanza mondiale, numero1 dei piloti acrobatici italiani) il quale ha acceso la fiaccola sulle note dell’inno di Mameli.

Guarda la galleria fotografica della cerimonia inaugurale

Le gare

Le gare si sono svolte da domenica 7 giugno a sabato 13 giugno, su 4 principali siti:

  • A Collegno presso l’Aeroporto Torino-Aeritalia: acrobazia (a motore e con alianti); elicotteri; paracadutismo; aeromodellismo; aerei sperimentali; ultraleggeri; volo a vela.
  • A Torino città, al Palaruffini: aeromodelli elettrici radiocomandati, indoor.
  • Ad Avigliana laghi: deltaplano e parapendio, (acrobazia, slalom e precisione) con piattaforma d’atterraggio posizionata in mezzo al lago grande.
  • A Mondovì infine le gare dei palloni ad aria calda

Guarda la galleria fotografica delle gare

La premiazione

Bandiere Pietro Filippini, medaglia d'oro per l'acrobazia alianti, tra George Kaminski (Russia) e Erik Pirou (Francia) Podio della gara del grand prix di volo a vela: Giorgio galetto (argento) Sebastian Kawa (oro) e Ronald Termaat (bronze)

 

Le gare hanno visto il successo complessivo della squadra italiana che figura al primo posto del medagliere olimpico (vedi il medagliere per nazioni) con le seguenti 10 medaglie:

4 medaglie d'oro
Pietro Filippini Acrobazia volo a vela
Andrea Iemma Acrobazia in deltaplano
Sandro Pagliarini Experimental: cat. Restored & Reconstructed Aircraft
Massimiliano Sacchi Aeromodellismo: Alianti lanciati a mano
3 medaglie d'argento
Giorgio Galetto Volo a vela
Filippo Materazzi Aeromodellismo: Acrobazia a radiocomando
Andrea Rossetto Experimental: cat. Restored & Reconstructed Aircraft
3 medaglie di bronzo
Pierluigi Barbero/Luigi Marocco Elicotteri: Parallel Slalom e Fender Rigging
Paolo Rossi Soavi/Maurizio Vanzini Microlight: Pilon Race
Francesco Menozzi Aeromodellismo: Alianti lanciati a mano

Le medaglie assegnate

Le medaglie

 

Aerobatic - Glider
1 Pietro Filippini ITA
2 Georgy Kaminskiy RUS
3 Erik Piriou FRA
Aerobatics -Power
1 Renaud Ecalle FRA
2 Mikhail Mamistov RUS
3 Gerald Cooper UK
Aeromodelling - Indoor Aeromusicals
1 Fabien Turpaud FRA
2 Martin Müller GER
3 Donatas Pauzuolis LTU
Aeromodelling - Artistic Aerobatics
1 Donatas Pauzuolis LTU
2 Filippo Materazzi ITA
3 Massimo Selva SMR
Aeromodelling - Hand Thrown Gliders
1 Massimiliano Sacchi ITA
2 Alan Bernard Smith RSA
3 Francesco Menozzi ITA
Ballooning
1 Sven Goehler GER
2 Uwe Schneider GER
3 Joe Heartsill USA
Glider Racing
1 Sabastian Kawa POL
2 Giorgio Galetto ITA
3 Ronald Termaat NED
Hang Gliding - Aerobatics
1 Andrea Iemma ITA
2 Guido Gehrmann GER
3 Rafael Lacerda Watson BRA
Hang Gliding - Speed Run
1 Wolfgang Siess AUT
2 Seppi Salvenmoser AUT
3 Roberto Nichelle SWI
Helicopters
1 Nikolai Burov / Viktor Korotaev RUS
2 Georgy Arbuzov / Elena Zhuperina RUS
3 Pierluigi Barbero / Luigi Marocco ITA
Microlight - Pylon Race
1 Robert Grimwood / Chris Saysell UK
2 Robert Keene / Rees Keene UK
3 Paolo Rossi Soavi / Maurizio Vanzini ITA
Microlight - Paramotor Precision
1 Mathieu Rouanet FRA
2 Laurent Salinas CAN
3 Alexandre Mateos FRA
Parachuting Canopy Formation
1 Russia
2 France
3 Sweden
Parachuting Canopy Piloting
1 Jason Moledzki CAN
2 Ian Bobo USA
3 Francisco Neri VEN
Parachuting Landing Accuracy
1 Istvan Asztalos HUN
2 Dimitri Maximov RUS
3 Jindrich Vedmoch CZE
Paragliding Accuracy
1 Goran Djurkovic SER
2 Guangqiang Sheng CHI
3 Matjas Feraric SLO
Paragliding Aerobatics Solo
1 Haracio Llorens Fernandez SPA
2 Antoine Montant FRA
3 Pal Takats HUN
Paragliding Aerobatics Synchro
1 Raul Ivan Rodriguez Fernandez / Felix Rodriguez SPA
2 Pal Takats / Gabor Kezi HUN
3 Alexander Meschuh / Bernd Hornboeck AUT
Experimental Aircraft
1 Eric Raymond USA
2 Christian Guilie FRA
3 Hossein Fakour Moghadam CZE
Restored Aircraft
1 Sandro Pagliarin ITA
2 Andrea Rossetto ITA
3 Marinel Cheveresan ROM

Il medagliere per nazioni

Country Gold Silver Bronze Total
Italy 4 3 3 10
France 3 3 2 8
Russia 2 4 0 6
Spain 2 0 0 2
Germany 1 3 0 4
Austria 1 1 1 3
Hungary 1 1 1 3
United Kingdom 1 1 1 3
United States of America 1 1 1 3
Canada 1 1 0 2
Lithuania 1 0 1 2
Poland 1 0 0 1
Serbia 1 0 0 1
China 0 1 0 1
South Africa 0 1 0 1
Czech Republic 0 0 2 2
Brazil 0 0 1 1
Netherlands 0 0 1 1
Romania 0 0 1 1
San Marino 0 0 1 1
Slovenia 0 0 1 1
Sweden 0 0 1 1
Switzerland 0 0 1 1
Venezuela 0 0 1 1

Air Show finale

Domenica 14 giugno, alla presenza di un pubblico stimato in circa 40.000 persone, si è svolto un Air Show di chiusura dei WAG, nel corso del quale si sono esibiti, tra gli altri, i vincitori delle medaglie olimpiche, per sigillare in modo degno la chiusura di un evento che ha ricevuto i plausi per la riuscita sia sotto il profilo sportivo che quello organizzativo.

Guarda la galleria fotografica dell'Air Show

Le opere connesse

Le olimpiadi dell’aria hanno avuto tra l’altro l’effetto di innescare o accelerare una serie di investimenti importanti, sia sotto il profilo economico che sotto quello meramente promozionale.

Nell’ottobre del 2008 è stata infatti completata la costruzione di un nuovo hangar e la ristrutturazione del basso fabbricato nella zona nord del campo dove è stata traslocata, al termine dei giochi, la nuova base operativa dell’elisoccorso “118”, il tutto con una spesa di poco inferiore ai 300.000 euro.

Giugno 2009. Il sindaco Silvana Accossato inaugura i nuovi locali dell'AeC Torino 2009. La nuova sede del 118 nella zona nord del campoGiugno 2009. L'AMX posizionato al centro della Rotonda QuarantelliScopertura del cippo dedicato a Manlio Quarantelli alla presenza dei famigliari e delle autorità cittadine

 

Nell’aprile-maggio del 2009 si sono completamente risistemate le aree verdi antistanti la palazzina, il parcheggio, le strade di accesso interne procedendo altresì all’ampliamento e ristrutturazione del ristorante il tutto con una spesa di circa 250.000 euro.

Pochi giorni prima dell’inizio dei giochi nella zona prospiciente al campo è stata inaugurata, su iniziativa di Alenia Aeronautica e del Comune di Collegno, una rotonda stradale dedicata a Manlio Quarantelli nella quale è stato posto un velivolo AMX ed un cippo alla memoria, quest’ultimo a cura dall’Aero Club Torino.